News dal nostro Ecosistema

La pandemia ha guidato il nostro Paese verso una transizione digitale rapida e necessaria, per far fronte alle esigenze dettate dalla nuova quotidianità che è andata via via delineandosi.

Tuttavia, i dati sulla digitalizzazione delle aziende in Italia restano ancora poco confortanti. 

Una delle nostre ultime ricerche “BTO CxO“ che esplora le tendenze tecnologiche che hanno influenzato maggiormente le aziende globali nel 2020 e durante la pandemia globale di covid-19, ha evidenziato che l’attuale livello di digitalizzazione e automazione detiene livelli intermedi di maturità.

Ciò nonostante, il 40% della classe dirigenziale intervistata prevede un aumento nella spesa annuale destinata all’IT anche per quanto riguarda la copertura dello skill gaps, rispetto l’utilizzo e conoscenza delle nuove tecnologie emergenti, che ad oggi è per il 67% delle aziende intervistate motivo di preoccupazione.

La strada da fare quindi è ancora molta ed è proprio in questo scenario che trova spazio la nuova collaborazione tra Talent Garden e BTO.

Alla base c’è la visione condivisa di unire le relative expertises per guidare le aziende verso una sempre più completa trasformazione digitale.

Il primo progetto della collaborazione è il lancio della Survey: “Millennials e No-Code: Enabler per l’allineamento più efficace tra business, tecnologia ed innovazione”. L’obiettivo sarà quello di studiare, analizzare e capire, se le soft skills della generazione nata e cresciuta tra analogico e digitale, unite alla semplificazione dei tool no-code, possono essere valorizzate nell’attuale contesto di transizione digitale.

Chi è Talent Garden?

Talent Garden è la piattaforma leader in Europa per il networking e la formazione nell’ambito dell’innovazione digitale. Nata nel 2011 a Brescia, ha l’obiettivo di favorire la crescita di imprenditori, professionisti e aziende di tutte le dimensioni, dalle piccole e medie realtà alle grandi Corporate attraverso la condivisione di spazi, realizzazione di attività di formazione e programmi di networking. Un modello che si è rapidamente esteso in Europa e che oggi ha portato la società ad essere presente in 18 campus e 8 Paesi europei diventando leader europeo del suo settore.